Tech Audit SEO

Per qualcuno che esegue il suo primo audit SEO tecnico, i risultati possono essere sia travolgenti che intimidatori. Spesso non riesci a vedere il legno per gli alberi e non hai idea di come aggiustare le cose o da dove cominciare.

Dopo anni di lavoro con i clienti, in particolare come capo del SEO tecnico per un’agenzia del Regno Unito, ho scoperto che gli audit SEO tecnici sono un evento quasi quotidiano. Con ciò, so quanto sia importante, soprattutto per i nuovi SEO, capire qual è ogni problema e perché è importante.

Comprendere i problemi riscontrati durante un audit tecnico consente di analizzare completamente un sito e elaborare una strategia completa.

In questa guida, ti guiderò attraverso un processo passo dopo passo per un audit tecnico di successo, ma spiegherò anche qual è ogni problema e, cosa forse più importante, dove dovrebbe trovarsi nella tua lista di priorità.

Che si tratti di apportare miglioramenti al tuo sito o di consigliare il tuo primo cliente, questa guida ti aiuterà a completare con successo e sicurezza un audit SEO tecnico in otto passaggi.

Ma prima, chiariamo alcune nozioni di base.

La SEO tecnica è la base fondamentale di qualsiasi sito web. Un audit SEO tecnico è una parte imperativa della manutenzione del sito per analizzare gli aspetti tecnici del tuo sito web.

Un audit verificherà se un sito è ottimizzato correttamente per i vari motori di ricerca, tra cui Google, Bing, Yahoo, ecc.

Ciò include garantire che non vi siano problemi relativi alla scansione e all’indicizzazione che impediscono ai motori di ricerca di consentire la visualizzazione del tuo sito nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Un audit comporta l’analisi di tutti gli elementi del tuo sito per assicurarti di non aver perso nulla che potrebbe ostacolare il processo di ottimizzazione. In molti casi, alcune piccole modifiche possono migliorare significativamente il tuo posizionamento.

Inoltre, un controllo può evidenziare problemi tecnici del tuo sito Web di cui potresti non essere a conoscenza, come errori hreflang , problemi canonici o problemi di contenuto misto.

Lettura consigliata: La guida per principianti alla SEO tecnica

In generale, mi piace sempre fare un audit iniziale su un nuovo sito, che sia quello che ho appena creato o che vedo per la prima volta da un cliente, e poi su base trimestrale.

Penso che sia consigliabile prendere buone abitudini con audit regolari come parte della manutenzione continua del sito. Questo è particolarmente vero se stai lavorando con un sito che pubblica continuamente nuovi contenuti.

È anche una buona idea eseguire un audit SEO quando noti che le tue classifiche sono stagnanti o in calo.

Di cosa hai bisogno da un cliente prima di completare un audit tecnico?

Anche se un cliente viene da me con obiettivi che non sono necessariamente “focalizzati sulla SEO tecnologica”, come la creazione di link o la creazione di contenuti , è importante ricordare che qualsiasi problema tecnico può ostacolare il successo del lavoro che svolgiamo in futuro.

È sempre importante valutare gli aspetti tecnici del sito, offrire consigli su come apportare miglioramenti e spiegare in che modo tali problemi tecnici possono influire sul lavoro che intendiamo svolgere insieme.

Detto questo, se intendi eseguire un audit tecnico su un sito Web che non è il tuo, come minimo, avrai bisogno dell’accesso agli account Google Search Console e Google Analytics per quel sito.

Per la maggior parte, gli audit SEO tecnici non sono facili. A meno che tu non abbia un sito aziendale molto piccolo e semplice, perfettamente costruito da un esperto SEO, probabilmente incontrerai alcuni problemi tecnici lungo il percorso.

Spesso, soprattutto con siti più complessi, come quelli con un gran numero di pagine o quelli in più lingue, gli audit possono essere come un puzzle in continua evoluzione che può richiedere giorni o addirittura settimane per essere risolto.

Indipendentemente dal fatto che tu stia cercando di controllare il tuo piccolo sito o uno grande per un nuovo cliente, ti guiderò attraverso gli otto passaggi che ti aiuteranno a identificare e risolvere alcuni dei problemi tecnici più comuni.

Passaggio 1. Scansiona il tuo sito web

Tutto ciò di cui hai bisogno per iniziare qui è impostare un progetto in Site Audit di Ahrefs , a cui puoi anche accedere gratuitamente come parte di Ahrefs Webmaster Tools .

Questo strumento esegue la scansione del tuo sito Web per verificare quanti URL ci sono, quanti sono indicizzabili, quanti no e quanti hanno problemi.

Da questo, lo strumento di controllo crea un rapporto approfondito su tutto ciò che trova per aiutarti a identificare e risolvere eventuali problemi che ostacolano le prestazioni del tuo sito.

Naturalmente, problemi più avanzati potrebbero richiedere ulteriori indagini che coinvolgono altri strumenti, come Google Search Console. Ma il nostro strumento di audit fa un ottimo lavoro nell’evidenziare i problemi chiave, specialmente per i SEO principianti.

Innanzitutto, per eseguire un audit con Site Audit , dovrai assicurarti che il tuo sito web sia collegato al tuo account Ahrefs come progetto. Il modo più semplice per farlo è tramite Google Search Console, anche se puoi verificare la tua proprietà aggiungendo un record DNS o un file HTML.

Verifica della proprietà nel Site Audit di Ahrefs

Una volta verificata la tua proprietà, è una buona idea controllare le impostazioni di Site Audit prima di eseguire la tua prima scansione. Se hai un sito più grande, è sempre meglio aumentare la velocità di scansione prima di iniziare.

Modifica delle impostazioni di scansione in Site Audit di Ahrefs

Esistono diverse impostazioni standard. Per un piccolo sito personale, queste impostazioni potrebbero andare bene così come sono. Tuttavia, impostazioni come il numero massimo di pagine scansionate in “Limiti” sono qualcosa che potresti voler modificare per progetti più grandi.

Impostazione del numero massimo di pagine scansionate in Site Audit di Ahrefs

Inoltre, se stai cercando informazioni approfondite su Core Web Vitals (CWV) , potresti voler aggiungere anche qui la tua chiave API di Google.

Impostazioni Core Web Vitals in Site Audit di Ahrefs

Una volta soddisfatto delle impostazioni, puoi eseguire una nuova scansione nella scheda “Site Audit”.

Esecuzione di una ricerca per indicizzazione in Site Audit di Ahrefs

Inizialmente, dopo aver eseguito l’audit, verrai indirizzato alla pagina “Panoramica”. Questo ti darà una visione di alto livello di ciò che lo strumento ha trovato, incluso il numero di pagine indicizzabili rispetto a quelle non indicizzabili, problemi principali e un punteggio complessivo di salute del sito web su 100.

Questo ti fornirà una metrica proxy rapida e di facile comprensione per la salute generale del sito web.

Metrica del punteggio di salute in Site Audit di Ahrefs

Da qui, puoi andare alla scheda “Tutti i problemi”. Questo analizza tutti i problemi rilevati dal crawler, la priorità che devono essere risolti e come risolverli.

Scheda Tutti i problemi in Site Audit di Ahrefs

Questo rapporto, insieme ad altri strumenti, può aiutarti a iniziare a identificare i problemi che potrebbero ostacolare le tue prestazioni nelle SERP.

Passaggio 2. Individuazione dei problemi di crawlability e indicizzazione

Se il tuo sito ha pagine che non possono essere scansionate dai motori di ricerca, il tuo sito web potrebbe non essere indicizzato correttamente, se non del tutto. Se il tuo sito web non appare nell’indice, non può essere trovato dagli utenti.

Garantire che i robot di ricerca possano eseguire la scansione del tuo sito Web e raccogliere dati da esso correttamente significa che i motori di ricerca possono posizionare con precisione il tuo sito nelle SERP e puoi classificarti per quelle parole chiave importantissime.

Ci sono alcune cose che devi considerare quando cerchi problemi di crawlability:

  • Errori di indicizzazione
  • Errori Robots.txt
  • Problemi con la mappa del sito
  • Ottimizzazione del crawl budget

Identificazione dei problemi di indicizzazione

Priorità: Alta

Garantire che le tue pagine siano indicizzate è fondamentale se vuoi apparire ovunque su Google.

Il modo più semplice per verificare come è indicizzato il tuo sito è andare su Google Search Console e controllare il rapporto sulla copertura. Qui puoi vedere esattamente quali pagine sono indicizzate, quali pagine hanno avvisi, nonché quali sono escluse e perché:

Rapporto sulla copertura in Google Search Console

Tieni presente che le pagine verranno visualizzate nei risultati di ricerca solo se sono indicizzate senza problemi.

Se le tue pagine non vengono indicizzate, ci sono una serie di problemi che potrebbero causare questo. Daremo un’occhiata ai primi pochi di seguito, ma puoi anche consultare la nostra altra guida per una procedura dettagliata più approfondita.

Controllo del file robots.txt

Priorità: Alta

Il file robots.txt è probabilmente il file più semplice sul tuo sito web. Ma è qualcosa che le persone sbagliano costantemente. Sebbene tu possa consigliare ai motori di ricerca come eseguire la scansione del tuo sito, è facile commettere errori.

Alla maggior parte dei motori di ricerca, in particolare a Google, piace attenersi alle regole stabilite nel file robots.txt. Quindi, se dici a un motore di ricerca di non eseguire la scansione e/o l’indicizzazione di determinati URL o persino dell’intero sito per sbaglio, è quello che accadrà.

Questo è l’aspetto del file robots.txt, che dice ai motori di ricerca di non scansionare nessuna pagina:

Disabilitare i motori di ricerca tramite robots.txt

Spesso queste istruzioni vengono lasciate all’interno del file anche dopo che il sito è stato pubblicato, impedendo la scansione del sito. Questa è una rara soluzione facile che funge da panacea per il tuo SEO.

Puoi anche verificare se una singola pagina è accessibile e indicizzata digitando l’URL nella barra di ricerca di Google Search Console. Se non è ancora indicizzato ed è accessibile, puoi “Richiedere indicizzazione”.

Richiesta di indicizzazione in Google Search Console

Il report Copertura in Google Search Console può anche farti sapere se stai bloccando determinate pagine in robots.txt nonostante siano state indicizzate:

Pagine bloccate tramite robots.txt in Google Search Console

Letture consigliate: Robots.txt e SEO: tutto ciò che devi sapere

Meta tag robot

Priorità: Alta

Un meta tag robots è uno snippet HTML che indica ai motori di ricerca come eseguire la scansione o indicizzare una determinata pagina. Viene inserito nella sezione <head> di una pagina Web e ha il seguente aspetto:

<meta name="robots" content="noindex" />

Questo noindex è il più comune. E come avrai intuito, dice ai motori di ricerca di non indicizzare la pagina. Spesso vediamo anche il seguente meta tag robots su pagine di interi siti web:

<meta name="robots" content=”max-snippet:-1, max-image-preview:large, max-video-preview:-1" />

Questo dice a Google di utilizzare liberamente qualsiasi tuo contenuto sulle sue SERP. Il plugin Yoast SEO per WordPress lo aggiunge per impostazione predefinita, a meno che tu non aggiunga direttive noindex o nosnippet .

Se nella pagina non sono presenti meta tag robots, i motori di ricerca lo considerano come index, follow , il che significa che possono indicizzare la pagina ed eseguire la scansione di tutti i collegamenti su di essa.

Ma noindex in realtà ha molti usi:

  • Pagine sottili con poco o nessun valore per l’utente
  • Pagine nell’ambiente di staging
  • Pagine di amministrazione e di ringraziamento
  • Risultati della ricerca interna
  • Pagine di destinazione PPC
  • Pagine sulle prossime promozioni, concorsi o lanci di prodotti
  • Contenuti duplicati (utilizza tag canonici per suggerire la versione migliore per l’indicizzazione)

Ma l’uso improprio è anche uno dei principali problemi di indicizzazione. L’uso accidentale dell’attributo sbagliato può avere un effetto dannoso sulla tua presenza nelle SERP, quindi ricorda di usarlo con attenzione.

Letture consigliate: Robots Meta Tag & X-Robots-Tag: Tutto quello che c’è da sapere

Controllo della mappa del sito

Priorità: Alta

Una sitemap XML aiuta Google a navigare in tutte le pagine importanti del tuo sito web. Considerando che i crawler non possono fermarsi e chiedere indicazioni, una mappa del sito garantisce a Google una serie di istruzioni quando si tratta di eseguire la scansione e l’indicizzazione del tuo sito web.

Ma proprio come i crawler possono essere bloccati accidentalmente tramite il file robots.txt, le pagine possono essere escluse dalla mappa del sito, il che significa che probabilmente non avranno la priorità per la scansione.

Inoltre, avendo pagine nella tua Sitemap che non dovrebbero essere presenti, come pagine rotte, puoi confondere i crawler e influenzare il tuo crawl budget (ne parleremo più avanti).

Puoi controllare i problemi della mappa del sito in Site Audit : Site Audit > Tutti i problemi > Altro .

Problemi con la mappa del sito nel Site Audit di Ahrefs

La cosa principale qui è assicurarsi che tutte le pagine importanti che si desidera indicizzare siano all’interno della mappa del sito ed evitare di includere qualsiasi altra cosa.

Letture consigliate: Come creare una Sitemap XML (e inviarla a Google)

Controllo del crawl budget

Priorità: alta (per siti Web di grandi dimensioni)

Un crawl budget si riferisce al numero di pagine e alla velocità con cui un motore di ricerca può eseguire la scansione.

Una varietà di fattori influenza il crawl budget. Questi includono il numero di risorse sul sito Web e il valore che Google ritiene che le tue pagine indicizzabili siano preziose.

Avere un budget di scansione elevato non garantisce che ti classificherai in cima alle SERP. Tuttavia, se non viene eseguita la scansione di tutte le tue pagine critiche a causa di problemi di crawl budget, è possibile che tali pagine non vengano indicizzate.

È probabile che le tue pagine vengano scansionate come parte del tuo budget di scansione giornaliero se sono popolari, ricevono traffico e link organici e sono ben collegate internamente al tuo sito.

Le nuove pagine, così come quelle che non sono collegate internamente o esternamente, ad esempio quelle trovate su siti più recenti, potrebbero non essere scansionate con la stessa frequenza, se non del tutto.

Per siti più grandi con milioni di pagine o siti che vengono aggiornati spesso, il crawl budget può essere un problema. In generale, se disponi di un numero elevato di pagine che non vengono sottoposte a scansione o aggiornate con la frequenza desiderata, dovresti considerare di velocizzare la scansione.

L’utilizzo del rapporto sulle statistiche di scansione in Google Search Console può darti informazioni su come viene eseguita la scansione del tuo sito e su eventuali problemi che potrebbero essere stati segnalati da Googlebot.

Informazioni dettagliate sulla scansione tramite Google Search Console

Ti consigliamo inoltre di esaminare tutti gli stati di scansione contrassegnati come quelli mostrati qui:

Codici di stato della scansione che potresti visualizzare in Google Search Console

Lettura consigliata: Cos’è il Crawl Budget e i SEO dovrebbero preoccuparsene?

Passaggio 3. Controllo degli elementi tecnici sulla pagina

È importante controllare i fondamenti della tua pagina. Anche se molti SEO potrebbero dirti che i problemi sulla pagina come quelli con le meta descrizioni non sono un grosso problema, personalmente penso che faccia parte di una buona pulizia SEO.

Anche John Mueller di Google ha dichiarato in precedenza che avere più tag H1 su una pagina web non è un problema. Tuttavia, pensiamo alla SEO come a un sistema di punti.

Se tu e un concorrente avete siti che stanno fianco a fianco nella SERP, allora anche il problema più elementare potrebbe essere il catalizzatore che determina chi si posiziona in cima. Quindi, a mio parere, anche i problemi di pulizia più basilari dovrebbero essere affrontati.

Quindi diamo un’occhiata a quanto segue:

  • Titoli di pagina e tag title
  • Meta descrizioni
  • Tag canonici
  • Tag hreflang
  • Dati strutturati

Titoli di pagina e tag title

Priorità: Media

I tag del titolo hanno molto più valore di quanto la maggior parte delle persone attribuisca loro credito. Il loro compito è far sapere a Google e ai visitatori del sito di cosa tratta una pagina web, in questo modo:

Tag del titolo nella ricerca di Google

Ecco come appare in formato HTML non elaborato:

<title>How to Craft the Perfect SEO Title Tag (Our 4-Step Process)</title>

Negli ultimi anni, i title tag hanno suscitato molto dibattito nel mondo SEO. Google, a quanto pare, è probabile che modifichi il tag del titolo se non gli piace.

Google riscrive circa un terzo dei tag title

Uno dei motivi principali per cui Google riscrive i tag title è che sono semplicemente troppo lunghi. Questo è un problema evidenziato in Site Audit .

” alt=”Le riscritture dei title tag evidenziate nel Site Audit di Ahrefs” width=”817″ height=”566″ data-src=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/17-content-issues.jpg” data-srcset=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/17-content-issues.jpg 817w, https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/17-content-issues-613×425.jpg 613w, https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/17-content-issues-768×532.jpg 768w” data-sizes=”(max-width: 817px) 100vw, 817px” data-fancybox=”image-17″ data-caption=”Title tag rewrites highlighted in Ahrefs’ Site Audit” />

In generale, è buona norma assicurarsi che tutte le pagine abbiano tag title, nessuno dei quali superi i 60 caratteri.

Lettura consigliata: Come creare il tag title SEO perfetto

Meta descrizioni

Priorità: Bassa

Una meta descrizione è un attributo HTML che descrive il contenuto di una pagina. Può essere visualizzato come frammento sotto il tag del titolo nei risultati di ricerca per fornire ulteriore contesto.

” alt=”Tag del titolo nella ricerca di Google” width=”1196″ height=”230″ data-src=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/18-meta-description.jpg” data-srcset=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/18-meta-description.jpg 1196w, https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/18-meta-description-680×131.jpg 680w, https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/18-meta-description-768×148.jpg 768w” data-sizes=”(max-width: 1196px) 100vw, 1196px” data-fancybox=”image-18″ data-caption=”Title tag in Google search” />

Più visitatori faranno clic sul tuo sito web nei risultati di ricerca se ha una meta descrizione accattivante. Anche se Google fornisce meta descrizioni solo il 37% delle volte , è comunque importante assicurarsi che le tue pagine più importanti ne abbiano di fantastiche.

Puoi scoprire se mancano delle meta descrizioni, nonché se sono troppo lunghe o troppo corte.

” alt=”Meta descrizioni mancanti tramite Site Audit di Ahrefs” data-src=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/20-content-issues-2-1.jpg” data-fancybox=”image-19″ data-caption=”Missing meta descriptions via Ahrefs’ Site Audit” />

Ma scrivere meta descrizioni non è solo riempire uno spazio. Si tratta di attirare potenziali visitatori del sito.

Lettura consigliata: Come scrivere la meta descrizione perfetta

Controlla i tag canonici

Priorità: Alta

Un tag canonical (rel=“canonical”) specifica la versione primaria per le pagine duplicate o quasi duplicate. Per dirla in un altro modo, se hai più o meno lo stesso contenuto disponibile sotto diversi URL, dovresti utilizzare tag canonical per designare quale versione è la principale e dovrebbe essere indicizzata.

Come funziona la canonizzazione

I tag canonici sono una parte importante della SEO, principalmente perché a Google non piacciono i contenuti duplicati. Inoltre, utilizzare i tag canonici in modo errato (o non utilizzarli affatto) può influire seriamente sul budget di scansione.

Se gli spider stanno sprecando il loro tempo a scansionare pagine duplicate, può significare che pagine preziose vengono perse.

È possibile trovare problemi di contenuti duplicati in Site Audit : Site Audit > Rapporti > Duplicati > Problemi .

Pagine duplicate senza canonico tramite Site Audit di Ahrefs

Lettura consigliata: Tag canonici: una semplice guida per principianti

SEO internazionale: tag hreflang

Priorità: Alta

Sebbene hreflang sia apparentemente un altro semplice tag HTML, è forse l’elemento SEO più complesso su cui riflettere. 

Il tag hreflang è indispensabile per i siti in più lingue. Se hai molte versioni della stessa pagina in una lingua diversa o scegli come target diverse parti del mondo, ad esempio una versione in inglese per gli Stati Uniti e una versione in francese per la Francia, hai bisogno dei tag hreflang.

La traduzione di un sito Web richiede tempo e denaro, perché dovrai impegnarti e assicurarti che tutte le versioni vengano visualizzate nei risultati di ricerca pertinenti. Ma offre una migliore esperienza utente rivolgendosi a utenti diversi che consumano contenuti in lingue diverse.

Inoltre, poiché i gruppi di pagine in più lingue condividono i reciproci segnali di ranking, l’uso corretto dei tag hreflang può avere un impatto diretto come fattore di ranking. Questo è accennato da Gary Illyes di Google in questo video .

Puoi trovare i problemi relativi ai tag hreflang in Site Audit in Localizzazione: Site Audit > Tutti i problemi > Localizzazione .

Problemi di localizzazione tramite Site Audit di Ahrefs

Lettura consigliata: Hreflang: la guida facile per principianti

Dati strutturati

Priorità: Alta

I dati strutturati, spesso indicati come markup dello schema, hanno una serie di usi preziosi nella SEO.

In particolare, i dati strutturati vengono utilizzati per ottenere risultati avanzati o funzionalità nel Knowledge Panel. Ecco un ottimo esempio: quando si lavora con le ricette, vengono forniti maggiori dettagli su ciascun risultato, come la valutazione.

Risultati delle ricette con dati strutturati

Ottieni anche una funzione nel Knowledge Panel che mostra cos’è un biscotto con gocce di cioccolato (insieme ad alcune informazioni nutrizionali):

Scheda informativa nella ricerca Google

Poiché i dati strutturati aiutano Google a comprendere meglio non solo il tuo sito web ma anche informazioni dettagliate come gli autori, i dati strutturati possono aiutare sia la ricerca semantica che migliorare competenza, autorevolezza e affidabilità, ovvero EAT .

Al giorno d’oggi, JSON-LD è il formato preferito per i dati strutturati, quindi mantienilo così se possibile. Ma puoi anche incontrare Microdata e RDFa.

Come parte del tuo audit tecnico, dovresti testare i tuoi dati strutturati. Un ottimo strumento per questo è lo strumento di test Classy Schema .

Strumento di test del markup dello schema

Puoi anche verificare la tua idoneità per i risultati multimediali con il test dei risultati multimediali di Google .

” alt=”Strumento di test dei risultati multimediali di Google” width=”1539″ height=”624″ data-src=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/28-rich-results-test-1.png” data-srcset=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/28-rich-results-test-1.png 1539w, https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/28-rich-results-test-1-680×276.png 680w, https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/28-rich-results-test-1-768×311.png 768w, https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/28-rich-results-test-1-1536×623.png 1536w” data-sizes=”(max-width: 1539px) 100vw, 1539px” data-fancybox=”image-26″ data-caption=”Google’s Rich Results testing tool” />

Passaggio 4. Identificazione dei problemi relativi all’immagine

L’ottimizzazione delle immagini è spesso trascurata quando si tratta di SEO. Tuttavia, l’ottimizzazione delle immagini ha una serie di vantaggi che includono:

  • Velocità di caricamento migliorata.
  • Più traffico che puoi ottenere da Google Immagini.
  • Esperienza utente più coinvolgente.
  • Accessibilità migliorata.

I problemi relativi alle immagini possono essere trovati nel rapporto di audit principale: Site Audit > Report > Immagini .

” alt=”Problemi di immagine tramite Site Audit di Ahrefs” width=”697″ height=”566″ data-src=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/29-image-issues-2.png” data-srcset=”https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/29-image-issues-2.png 697w, https://ahrefs.com/blog/wp-content/uploads/2022/06/29-image-issues-2-523×425.png 523w” data-sizes=”(max-width: 697px) 100vw, 697px” data-fancybox=”image-27″ data-caption=”Image issues via Ahrefs’ Site Audit” />

Immagini spezzate

Priorità: Alta

Le immagini rotte non possono essere visualizzate sul tuo sito web. Ciò comporta una cattiva esperienza utente in generale, ma può anche sembrare spam, dando ai visitatori l’impressione che il sito non sia ben mantenuto e professionale.

Questo può essere particolarmente problematico per chiunque monetizzi il proprio sito Web, in quanto può far sembrare il sito Web meno affidabile.

Dimensione del file immagine troppo grande

Priorità: Alta

Le immagini di grandi dimensioni sul tuo sito Web possono influire seriamente sulla velocità e sulle prestazioni del tuo sito. Idealmente, si desidera visualizzare le immagini nella dimensione più piccola possibile e in un formato appropriato, ad esempio WebP.

L’opzione migliore è ottimizzare le dimensioni del file immagine prima di caricare l’immagine sul tuo sito web. Strumenti come TinyJPG possono ottimizzare le tue immagini prima che vengano aggiunte al tuo sito.

Se stai cercando di ottimizzare le immagini esistenti, sono disponibili strumenti, in particolare per i sistemi di gestione dei contenuti (CMS) più popolari come WordPress. Plugin come Imagify o WP-Optimize sono ottimi esempi.

La pagina HTTPS si collega all’immagine HTTP

Priorità: Media

Le pagine HTTPS che si collegano a immagini HTTP causano ciò che viene chiamato “problemi di contenuto misto”. Ciò significa che una pagina viene caricata in modo sicuro tramite HTTPS. Ma una risorsa a cui si collega, come un’immagine o un video, si trova su una connessione HTTP non sicura.

Il contenuto misto è un problema di sicurezza. Per coloro che monetizzano i siti con annunci display, può persino impedire ai fornitori di annunci di consentire gli annunci sul tuo sito. Degrada anche l’esperienza utente del tuo sito web.

Per impostazione predefinita, alcuni browser limitano le richieste di risorse non sicure. Se la tua pagina si basa su queste risorse vulnerabili, potrebbe non funzionare correttamente se vengono bannate.

Testo alternativo mancante

Priorità: Bassa

Il testo alternativo, o testo alternativo, descrive un’immagine su un sito web. È una parte incredibilmente importante dell’ottimizzazione delle immagini, poiché migliora l’accessibilità sul tuo sito Web per milioni di persone in tutto il mondo con problemi di vista.

Spesso le persone con disabilità visive utilizzano screen reader, che convertono le immagini in audio. Essenzialmente, questo sta descrivendo l’immagine al visitatore del sito. Il testo alternativo opportunamente ottimizzato consente agli screen reader di informare gli utenti del sito con disabilità visive esattamente su ciò che stanno vedendo.

Il testo alternativo può anche fungere da testo di ancoraggio per i collegamenti alle immagini, aiutarti a posizionarti su Google Immagini e migliorare la rilevanza dell’attualità.

Letture consigliate: Alt Text for SEO: Come ottimizzare le tue immagini

Passaggio 5. Analisi dei collegamenti interni

Quando la maggior parte delle persone pensa ai “link” per la SEO, pensa ai backlink. Come costruirli, quanti dovrebbero averne e così via.

Quello che molte persone non capiscono è l’assoluta importanza del collegamento interno. Infatti, i link interni sono come la gelatina del burro di arachidi dei backlink. Puoi averne uno senza l’altro? Sicuro. Stanno sempre meglio insieme? Scommetti!

I collegamenti interni non solo aiutano i tuoi sforzi di creazione di collegamenti esterni, ma migliorano anche l’esperienza del sito Web sia per i motori di ricerca che per gli utenti.

Il corretto raggruppamento degli argomenti utilizzando il collegamento interno crea una roadmap topica di facile comprensione per tutti coloro che si imbattono nel tuo sito. Questo ha una serie di vantaggi:

  • Crea pertinenza per le parole chiave
  • Aiuta a garantire che tutti i contenuti vengano sottoposti a scansione
  • Rende facile per i visitatori trovare contenuti o prodotti pertinenti
Esempio di siloing sul sito web di fitness

Ovviamente, se fatto bene, tutto questo ha un senso. Ma i collegamenti interni dovrebbero essere controllati quando metti le mani su un sito per la prima volta perché le cose potrebbero non essere così ordinate come vorresti.

Codici di stato 4xx

Priorità: Alta

Vai a Site Audit > Pagine interne > scheda Problemi > pagina 4XX .

4XX errori di pagina tramite Site Audit di Ahrefs

Qui puoi vedere tutte le pagine interne danneggiate del tuo sito.

Questi sono problematici perché sprecano “link equity” e forniscono agli utenti un’esperienza negativa.

Ecco alcune opzioni per affrontare questi problemi:

  • Riporta la pagina danneggiata allo stesso indirizzo (se cancellata per sbaglio)
  • Reindirizza la pagina danneggiata in una posizione più appropriata; tutti i link interni che vi fanno riferimento dovrebbero essere aggiornati o rimossi

Pagine orfane

Priorità: Alta

Vai a Site Audit > Collegamenti > Scheda Problemi > Pagina orfana (non ha collegamenti interni in entrata) .

Problemi di pagine orfane tramite Site Audit di Ahrefs

Qui, mettiamo in evidenza le pagine che non hanno collegamenti interni che puntano ad esse.

Ci sono due motivi per cui le pagine indicizzabili non dovrebbero essere rese orfane:

  • I collegamenti interni non passeranno il PageRank perché non ce ne sono.
  • Non verranno trovati da Google (a meno che non carichi la tua mappa del sito tramite Google Search Console o non ci siano backlink da pagine sottoposte a scansione di molti altri siti Web, non verranno visualizzati).

Se il tuo sito web ha più pagine orfane, filtra l’elenco dall’alto verso il basso per il traffico organico. Se i collegamenti interni vengono aggiunti a pagine orfane che ricevono ancora traffico organico, guadagneranno sicuramente molto più traffico.

Lettura consigliata: Link interni per SEO: una guida praticabile

Passaggio 6. Controllo dei collegamenti esterni

I collegamenti esterni sono collegamenti ipertestuali all’interno delle tue pagine che si collegano a un altro dominio. Ciò significa che tutti i tuoi backlink, i link al tuo sito web da un altro, sono link esterni di qualcun altro.

Vedi come la magia di Internet è invisibilmente intrecciata? *emoji strabiliante*

I collegamenti esterni vengono spesso utilizzati per eseguire il backup delle fonti sotto forma di citazioni. Ad esempio, se sto scrivendo un post sul blog e discutendo le metriche di uno studio, collegherò esternamente a dove ho trovato quella fonte autorevole.

Il collegamento a fonti credibili rende il tuo sito Web più credibile sia per i visitatori che per i motori di ricerca. Questo perché mostri che le tue informazioni sono supportate da una solida ricerca.

Ecco cosa ha detto John sui link esterni :

Il collegamento ad altri siti Web è un ottimo modo per fornire valore ai tuoi utenti. Spesso, i collegamenti aiutano gli utenti a saperne di più, a controllare le tue fonti e a capire meglio in che modo i tuoi contenuti sono pertinenti alle domande che hanno.

Giovanni Mueller
Giovanni Mueller, Ricerca Avvocato Google

Come sempre, proprio come qualsiasi altra cosa, i collegamenti esterni possono causare problemi. Questi possono essere trovati nel rapporto di audit (simile ai link interni): Site Audit > All issues > Links .

Problemi di collegamento esterno tramite Site Audit di Ahrefs

Come puoi vedere dall’immagine sopra, i collegamenti sono suddivisi in indicizzabili e non indicizzabili e puoi trovare gli stessi problemi in entrambe le categorie. Tuttavia, ogni problema ha un diverso livello di importanza predeterminato, a seconda che il collegamento sia indicizzabile o meno.

La pagina contiene collegamenti a una pagina danneggiata

Priorità: alta (se indicizzabile)

Questo problema può riferirsi sia a collegamenti interni che esterni e significa semplicemente che gli URL collegati restituiscono un codice di ritorno 4XX. Questi collegamenti danneggiano l’esperienza dell’utente per i visitatori e possono compromettere la credibilità del tuo sito.

La pagina non ha link in uscita

Priorità: alta (se indicizzabile)

Ancora una volta, questo problema si riferisce sia ai collegamenti interni che a quelli esterni e significa essenzialmente che una pagina non ha alcun collegamento da essa. Ciò significa che la pagina è un “vicolo cieco” per i visitatori del tuo sito e i motori di ricerca. Peccato.

Ma per quanto riguarda specificamente i collegamenti esterni, se la tua pagina non ha collegamenti in uscita, influisce su tutti i vantaggi dei collegamenti esterni come discusso sopra.

Passaggio 7. Velocità e prestazioni del sito

La velocità del sito è diventata un argomento piuttosto caldo nella comunità SEO negli ultimi tempi, soprattutto dopo che Google ha annunciato che la velocità mobile è davvero un fattore di ranking .

Da maggio 2021, le metriche di velocità note come Core Web Vitals (CWV) sono state utilizzate da Google per classificare le pagine. Usano Largest Contentful Paint (LCP) per valutare il carico visivo, Cumulative Layout Shift (CLS) per testare la stabilità visiva e First Input Delay (FID) per misurare l’interattività.

L’obiettivo di Google è migliorare l’esperienza dell’utente perché, ammettiamolo, a nessuno piace un sito web lento. Nella società odierna, la necessità di una gratificazione immediata incoraggia i visitatori del sito ad andarsene prima di aver terminato ciò che intendono fare.

Sebbene i siti con solo problemi di velocità minori probabilmente non vedranno alcun miglioramento nelle classifiche dall’ottimizzazione della velocità , gli studi dimostrano che i siti molto lenti possono probabilmente vedere miglioramenti nel traffico organico, nelle percentuali di clic e altro ancora.

All’interno del report di audit Ahrefs, puoi trovare informazioni sulla velocità del sito: Site Audit > Report > Performance > Panoramica .

Rapporto sulle prestazioni tramite Site Audit di Ahrefs
RACCOMANDAZIONE
Puoi ottenere dati dettagliati sulla velocità della pagina da Google PageSpeed ​​Insights se abiliti Core Web Vitals nelle impostazioni di scansione.

Sono disponibili anche una serie di eccellenti strumenti di test della velocità, tra cui PageSpeed ​​Insights di Google e il mio preferito, GTmetrix .

GTMetrix

L’ottimizzazione della velocità per siti molto lenti può essere un processo complesso. Tuttavia, per i principianti, è consigliabile utilizzare uno degli strumenti disponibili come WPRocket o NitroPack (entrambi a pagamento) per migliorare notevolmente la velocità del sito.

Passaggio 8. Assicurati che il tuo sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili

Nel mondo in cui viviamo ora, più persone che mai utilizzano continuamente dispositivi mobili. Ad esempio, secondo lo studio di 300 pagine di Datareportal , lo shopping da dispositivo mobile detiene attualmente il 60% del mercato .

Non c’è da meravigliarsi che negli ultimi anni Google abbia cercato di passare all’indicizzazione mobile-first.

Da un punto di vista tecnico, è buona norma eseguire un secondo audit sul tuo sito utilizzando il crawler mobile di Ahrefs. Come standard, lo strumento di audit di Ahrefs utilizza una scansione del desktop per controllare il tuo sito; tuttavia, questo può essere facilmente modificato in “Impostazioni di scansione” all’interno delle “Impostazioni del progetto”.

Selezione dell'agente utente in Site Audit di Ahrefs

La nostra funzione di confronto confronterà i tuoi siti per dispositivi mobili e desktop e ti informerà su cosa è cambiato o se sono sorti “nuovi” problemi una volta che hai eseguito la scansione del tuo sito una seconda volta, ad esempio problemi che esistono solo sui dispositivi mobili.

Modifiche al problema tra le scansioni in Site Audit di Ahrefs

Da qui, puoi selezionare uno qualsiasi dei numeri “Nuovo”, “Aggiunto” o “Rimosso” per determinare cosa è cambiato rispetto a ciascun problema.

Lettura consigliata: Indicizzazione mobile-first: cosa devi sapere

Pensieri finali

In tutta onestà, questo è solo un graffio superficiale quando si tratta di eseguire un audit SEO tecnico. Ciascuno dei punti precedenti può facilmente contenere un intero post sul blog e problemi aggiuntivi e più avanzati come impaginazioni , analisi dei file di registro e architettura avanzata del sito .

Tuttavia, per chi cerca di sapere da dove iniziare per completare con successo un audit SEO tecnico, questo è un ottimo punto di partenza.

Ogni volta che esegui un audit SEO tecnico, avrai sempre tonnellate da sistemare. L’importante è chiarire prima le tue priorità. Fortunatamente, Site Audit di Ahrefs ti dà una valutazione di priorità predefinita per ogni problema.

Una cosa da tenere a mente, tuttavia, è che, indipendentemente dal problema, la sua importanza dipende dal sito Web o dalla pagina su cui stai lavorando. Ad esempio, le pagine principali che vuoi classificare avranno sempre la priorità sulle pagine che non vuoi indicizzare.

Ultimo aggiornamento

4 Gennaio 2023, 09:56